Follow:
In cucina

Colomba salata

Colomba salata

L’idea di preparare un colomba salata nasce da due semplici considerazioni:

  1. È decisamente più semplice e veloce della versione dolce
  2. Non amo i lievitati dolci (panettone e pandoro pe intenderci) e la colomba è sicuramente quella che amo di meno.

Il risultato è un rustico morbido e goloso, modificabile in mille varianti in base a quello che più vi piace. Io ho deciso per una versione delicata con formaggio, olive e zucchine ma potete aggiungere anche salumi e verdure a piacere.

L’impasto è molto morbido, quasi appiccicoso e se non riuscite a lavorarlo con le mani vi consiglio di disporlo a grosse cucchiaiate all’interno dello stampo.

Colomba salata

Colomba salata

Ingredienti

  • farina forte 500 g
  • uova 1
  • acqua tiepida 250 ml
  • olio d’oliva 30 g
  • lievito madre disidratato 20 g
  • sale 10 g
  • zucchero la punta di un cucchiaino
  • formaggio a cubetti 300 g
  • olive 100 g
  • zucchine 1
  • latte o un tuorlo per la superficie
  • semi di sesamo 1 cucchiaio
  • mandorle 30 g

Procedimento

Preparate l’impasto base mescolando la farina con il lievito, il sale e lo zucchero. Sbattete leggermente l’uovo, unitevi l’acqua, l’olio e versate sopra la farina.

Impastate con il gancio a uncino della planetaria per 5 minuti, finché l’impasto sarà ben amalgamato.

Coprite con della pellicola trasparente e fate lievitare in un luogo caldo per un paio d’ore.

Nel frattempo preparate la farcitura tagliando a dadini il formaggio, a rondelle le olive e la cubetti la zucchina che mescolerete con un cucchiaino di olio.

Quando l’impasto avrà raddoppiato il volume aggiungete la farcitura e impastate fino a distribuirla in omogeneo.

Formate due salsicciotti, uno con 2/3 di impasto (il corpo) e l’altro con il restante 1/3 (le ali).

Disponete nello stampo da colomba in carta e fate lievitare per un’altra ora.

Una volta ben cresciuto spennellate con latte oppure tuorlo, cospargete con semi di sesamo e mandorle e infornate a 200° in forno statico per 45 minuti.

Share on
Previous Post Next Post

You may also like

No Comments

Rispondi

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: